Nightwish - The Greatest Show on Earth (traduzione)

The Greatest Show on Earth - Il più grande spettacolo della Terra

1. Four Point Six - 1. Quattro virgola sei

Archaean horizon
The first sunrise
On a pristine Gaea
Opus perfectum
Somewhere there, us sleeping

{After sleeping through a hundred million centuries, we have finally opened our eyes on a sumptuous planet, sparkling with color, bountiful with life. Within decades we must close our eyes again. Isn't it a noble and enlightened way of spending our brief time in the sun, to work at understanding the universe and how we have come to wake up in it?}


L'orizzonte archeano
La prima alba
Su un'immacolata Gaia
Opus perfectum
Là da qualche parte, noi addormentati

{Dopo avere trascorso un centinaio di milioni di secoli dormendo, abbiamo finalmente aperto gli occhi su di un pianeta sontuoso, scintillante di colore, straripante di vita. Nell'arco di qualche decennio dovremo chiudere nuovamente gli occhi. Lavorare per comprendere l'universo e come siamo arrivati a svegliarci in esso, non è forse un modo nobile ed illuminato di trascorrere il nostro breve tempo sotto la luce del sole?}


2. Life - 2. Vita

The cosmic law of gravity
Pulled the newborns around a fire
A careless, cold infinity in every vast direction
Lonely farer in the Goldilocks zone
She has a tale to tell
From the stellar nursery into a carbon feast
Enter LUCA

The tapestry of chemistry
There’s a writing in the garden
Leading us to the Mother of all

We are one
We are a universe
Forbears of what will be
Scions of the Devonian sea
Aeons pass
Writing the tale of us all
A day-to-day new opening
For the greatest show on Earth

Ion channels welcoming the outside world
To the stuff of stars
Bedding the tree of a biological holy
Enter life

We are here to care for the garden
The wonder of birth
Of every form most beautiful


La legge cosmica della gravità
Trascinò i nuovi nati attorno a un fuoco
Un noncurante, freddo infinito in ogni sconfinata direzione
Un viandante solitario nella zona di Goldilocks
Ha una storia da raccontare
Da un asilo stellare ad un banchetto di carbonio
Ecco LUCA

L'arazzo della chimica
C'è una scritta nel giardino
Che ci conduce alla Madre di tutti

Siamo tutt'uno
Siamo un universo
Antenati di ciò che sarà
Discendenti del mare devoniano
Gli eoni trascorrono
Scrivendo la storia di tutti noi
Una prima sempre diversa
Per il più grande spettacolo della Terra

Canali ionici presentano al mondo esterno
La materia delle stelle
Stendendo l'albero di un miracolo biologico
Ecco la Vita

Noi siamo qui per prenderci cura del giardino
La meraviglia della nascita
Di ogni splendida forma


3. The Toolmaker - 3. Il creatore di utensili

After a billion years
The show is still here
Not a single one of your fathers died young
The handy travelers
Out of Africa
Little Lucy of the Afar

Gave birth to fantasy
To idolatry
To self-destructive weaponry
Enter the god of gaps
Deep within the past
Atavistic dread of the hunted

Enter Ionia, the cradle of thought
The architecture of understanding
The human lust to feel so exceptional
To rule the Earth

Hunger for shiny rocks
For giant mushroom clouds
The will to do just as you’d be done by
Enter history, the grand finale
Enter Ratkind

Man, he took his time in the sun
Had a dream to understand
A single grain of sand
He gave birth to poetry
But one day’ll cease to be
Greet the last light of the library

We were here!
We were here!
We were here!
We were here!


Dopo un miliardo di anni
Lo spettacolo è ancora qui
Non uno solo dei vostri padri è morto giovane
Gli abili viaggiatori
Che hanno lasciato l'Africa
La piccola Lucy di Afar

Ha dato vita alla fantasia
All'idolatria
Ad armi di auto-distruzione
Ecco il Dio delle lacune
Nel profondo passato
Terrore atavistico della preda

Ecco la Ionia, la culla del pensiero
L'architettura della comprensione
Il desiderio umano di sentirsi così eccezionale
Di governare la Terra

La brama per delle rocce lucenti
Per dei giganteschi funghi atomici
Il desiderio di fare agli altri ciò che viene fatto a te
Ecco la Storia, il gran finale
Ecco la Stirpe dei Ratti

L'uomo, ha avuto il suo tempo alla luce del sole
Aveva il sogno di comprendere
Un singolo granello di sabbia
Ha dato vita alla poesia
Ma un giorno smetterà di esistere
Saluta l'ultima luce della biblioteca

Noi siamo stati qui!
Noi siamo stati qui!
Noi siamo stati qui!
Noi siamo stati qui!


4. The Understanding - 4. La comprensione

{We are going to die, and that makes us the lucky ones. Most people are never going to die because they are never going to be born. The potential people who could have been here in my place but who will in fact never see the light of day outnumber the sand grains of Sahara. Certainly those unborn ghosts include greater poets than Keats, scientists greater than Newton. We know this because the set of possible people allowed by our DNA so massively exceeds the set of actual people. In the teeth of those stupefying odds it is you and I, in our ordinariness, that are here. We privileged few, who won the lottery of birth against all odds, how dare we whine at our inevitable return to that prior state from which the vast majority have never stirred?}


{Un giorno moriremo, e questo fa di noi i fortunati. La maggior parte della gente non morirà mai, perché non nascerà neppure. Le potenziali persone che sarebbero potute essere qui al mio posto, ma che di fatto non vedranno mai la luce del sole, sono più numerose dei granelli di sabbia del Sahara. Senza dubbio fra quei fantasmi mai nati ci sono poeti migliori di Keats, scienziati migliori di Newton. Lo sappiamo perché la serie di persone potenzialmente permesse dal nostro DNA è enormemente maggiore del numero di persone effettive. In sprezzo di queste probabilità assurde, voi ed io, nella nostra mondanità, siamo qui. Noi pochi privilegiati, che abbiamo vinto la lotteria della nascita contro ogni probabilità, come osiamo lamentarci del nostro inevitabile ritorno a quello stato precedente di esistenza da cui la stragrande maggioranza non si è mai scossa?}


5. Sea-Worn Driftwood - 5. Il ceppo alla deriva logorato dal mare

{There is grandeur in this view of life, with its several powers, having been originally breathed into a few forms or into one; and that whilst this planet has gone cycling on according to the fixed law of gravity, from so simple a beginning endless forms most beautiful and most wonderful have been, and are being, evolved.}


{Vi è grandiosità in questo modo di guardare alla vita, nell'essere stati originariamente infusi in poche o un'unica forma; e nel fatto che benché questo pianeta abbia seguito un ciclo dettato dall'immutabile legge della gravità, da un inizio così semplice infinite splendide e meravigliose forme si sono, e si, evolvono.}

0 commenti:

Posta un commento